mercoledì 20 maggio 2009

Sociologia retrospettiva


L'attento lettore avrà avvertito come l'avventura parigina non sia il mero risultato di una scelta casuale e avventata di quattro amici al bar - anche perché i quel caso avremmo voluto cambiare il mondo, non correre una maratona, e tra gli autori di questo blog figurerebbe tal Paoli Gino - ma la lapalissiana conseguenza di profonde ragioni psico-socio-culturali.
Il barbaro uso dei ragazzi di oggi di colorare le proprie serate di esagerate sbevazzate; la sindrome pan-eroica che sviluppa in loro l'ebbrezza alcolica; il sentimento di dannunziana onnipotenza che ne deriva; l'eccitamento provocato dall'atteggiamento di sfida reciproca a compiere improbabili gesta che assumono i membri del gruppo: tutti indiscutibili e fondati motivi per suggellare un patto privo di senso.
Certo, di patti del genere, pieni di promesse o propositi mai perseguiti, è piena la memoria di ciascuno di noi, ma questa volta è scattata una molla ulteriore.
Generalmente (secondo autorevole dottrina in circa l'87,24% dei casi. Cfr V. Lesentini, Statistica Pratica, Padova, 2005, pp. 72 e ss.) questo tipo di promesse o dichiarazioni, trovano pronta smentita il mattino successivo, quando il soggetto trova sul telefonino messaggi del giorno precedente, inviatigli da qualche amico sulla strada di casa, inneggianti folli missioni cui ci si è collettivamente impegnati a partecipare. A quel punto ci sono tre tattiche applicabili: la prima -la più scontata- il silenzio nella quasi certezza che nessuno si ricorderà o vorrà ricordarsene; la seconda, lo specchio riflesso/sfida a mente fredda ("caro mio voglio proprio vederti a fare la potatura degli ulivi a morsi, ahah"), con il quale si schernisce l'amico deferendo a lui la prima (eventuale e remota) mossa; la terza, il bluff, condizionando la propria disponibilità a fare quanto promesso purché l'amico adempia a sua volta al proprio impegno (che lui non si ricorda, in quanto il bluffatore lo inventa sul momento: e.g. "per me non c'è problema a guidare un auto premendo i pedali con le mani, niente di più facile, basta che tu mi metta a disposizione la tua golf nuova come avevi detto").
Di queste tecniche note ai più, nel nostro caso, si è vista utilizzare la prima...dopo il patto solenne stipulato al bar del Pazzo che prevedeva la partecipazione a una maratona (niente pericolo certo di vita stavolta) per qualche settimana nessuno ha proferito verbo.
Ma allora cosa è cambiato?
...in irrisione delle ben note ritualità comportamentali di cui ho detto sopra, uno di noi ha comunicato agli altri il dato di fatto: "mi sono iscritto a Parigi: 5 Aprile 2009". Inevitabilmente si è risvegliato l'orgoglio degli altri (anche se nessuno di noi si riconosce negli ideali leghisti, dopo tutto, siamo pur sempre veneti e, di conseguenza, ce l'abbiamo duro) che, a catena hanno formalizzato gli adempimenti, cioè hanno pagato l'iscrizione.
Bene, ammetto di aver reso un po' troppo solenne il racconto, ma più o meno è andata così... il lettore -stavolta simpatico- si ritenga libero di calcolare la radice quadrata dell'epopea!

8 commenti:

  1. la fatica, la sofferenza, il sudore...
    correre è una semplice passione o è un mero modo di sfogarsi e di distaccarsi dal disagio sociale che ormai attanaglia le nostre menti?

    RispondiElimina
  2. cazzo avete due nomi troppi froci. era meglio cocksucker a questo punto!
    però sostengo l'impresa, è maschia. probabilmente morirete tutti nel tentativo di finire il percorso. però vivrete per sempre in un tatoo enorme che mi farò in vostro onore. r.i.p.

    RispondiElimina
  3. nomi perfetti invece idiota.
    ti ringrazio per l'eventuale tatoo e per il sostegno. no tutti non moriremo, almeno uno la deve finire la marathon des sables.

    RispondiElimina
  4. vorrei puntualizzare che clodrunner è una citazione cartoonistica per l'assonanza con road runner... lo sapevo che sarebbe finita in porcherie...

    RispondiElimina
  5. e correre non è né una passione, né un modo di evadere dalle costrizioni sociali: è un valore ex se considerato.

    questa dichiarazione è da cocksucker.

    RispondiElimina
  6. vendte film porno u questo sito ?

    RispondiElimina
  7. in teoria no, però se hai un bisogno impellente possiamo organizzarci

    RispondiElimina
  8. mezzo caffè è i nome di un sito di film porno. non è questo ? Mi hanno detto così. Quindi puoi aiutarmi.

    RispondiElimina